Donatella Bignardi

    Per prima cosa voglio ringraziare per aver scelto il mio racconto Margherita, a cui sono particolarmente affezionata. Mi chiamo Donatella Bignardi, vivo a Ferrara, dove sono nata. Mi sono laureata in Lettere a Bologna con una tesi in storia dell’arte e successivamente ho frequentato, sempre a Bologna, il corso di perfezionamento in storia dell’arte medievale e moderna. Sposata con due figlie, sono nonna di due bambini. Ho insegnato lettere per più di trent’anni alle superiori.

    Fin da ragazzina ho avuto una forte propensione per la lettura e la scrittura, coltivando di più la prima, anche se nel corso degli anni, ho riempito molti quaderni con appunti, storie, ricordi, scritti di getto, che poi riponevo senza rileggere e che mi sono serviti soprattutto come auto-terapia. Altre grandi passioni, che mi hanno accompagnato sono state l’amore per gli animali e la natura, per l’arte e la musica. Un’altra passione che ho sviluppato, che non so bene definire, è la passione per i ricordi. Credo che tutte queste passioni, messe insieme, abbiano dato il via alla mia esigenza di scrivere per una ricerca che mi facesse comprendere meglio la mia vita.

    Quando ho iniziato a farlo, in maniera più sistematica ed ordinata, mi è sembrato che la scrittura abbia fatto tutto da sola guidando i miei pensieri. Ne è nato un romanzo, non ancora pubblicato, da cui ho tratto un racconto, che ho presentato, in primavera, al Salone di Torino, invitata da Meetale e dalla FUIS, che lo avevano selezionato. Da questa esperienza, positiva e gratificante, è scaturito il desiderio di continuare il percorso di confronto con i lettori. Un altro mio sctitto sarà inserito in un’antologia di racconti per Historica edizioni. Il racconto che ho inviato, Margherita, è ambientato negli anni sessanta e parla di una ragazza di soli vent’anni, già con due figli e molte responsabilità.

    Non la vedo da molto tempo, ma non ho scordato quella ragazza allegra e piena di sogni, che, nonostante una vita difficile, è stata in grado, col suo affetto, di avvicinarsi al mio mondo di bambina, che, tra mille incertezze e curiosità, stava iniziando il cammino tortuoso dell’adolescenza. A presto Donatella

    Contact Us

    We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

    Start typing and press Enter to search